Cooperativa Bagnini Cervia | Dalla Regione 20 milioni di euro per la costa e 20 per il ripascimento
Il sito delle spiagge di Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata, dove trovare informazioni su stabilimenti balneari, servizi, eventi, certificazioni ed ogni altro plus che rende unica la nostra costa.
Cervia, Romagna, spiagge, spiaggia, bagno, balneare, stabilimenti, stabilimento, turismo, Milano Marittima, Pinarella, Tagliata, riviera romagnola
19988
post-template-default,single,single-post,postid-19988,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Dalla Regione 20 milioni di euro per la costa e 20 per il ripascimento

Dalla Regione 20 milioni di euro per la costa e 20 per il ripascimento

Cambia la legge regionale sul turismo, aumentano i finanziamenti destinati al turismo e alla costa. Andrea Corsini, assessore regionale al turismo, spiega i passaggi:

“Grazie alla legge 17, la Regione Emilia-Romagna passerà da una struttura di promo-commercializzazione costruita sui prodotti turistici separati (balneare, cultura, terme, collina, eccetera) a un sistema che vede il territorio, e quindi le destinazioni, come il prodotto principale da promuovere. La modalità sarà quindi orizzontale e non più verticale, aprendo la strada al marketing territoriale e non più solo al marketing di prodotto. In questo nuovo sistema, la promozione della costa sarà inserita nell’area vasta della Romagna, una destinazione unica che comprenderà tutti i territori delle province romagnole insieme a Ferrara.
Il mare sarà quindi promosso all’interno di questa macro-destinazione, integrato con gli altri prodotti del territorio romagnolo: le città d’arte, il Parco del Delta del Po, l’enogastronomia…
La cifra sarà stabilita ogni anno dal bilancio. Per il 2016 sono stati previsti 16,5 milioni di euro.  Nel 2016 faremo l’investimento più corposo e innovativo sui paesi di lingua tedesca, a partire dalla Germania, con una campagna di marketing del valore di circa un milione di euro. Utilizzeremo vari mezzi di comunicazione, compreso il co-marketing con alcune attività di supporto per i tour operator e per le compagnie aeree che hanno destinazioni collegate con l’Emilia-Romagna. Oltre a ciò, intensificheremo le nostre azioni di marketing su Francia, Regno Unito, Stati Uniti e Nord Europa.
La Regione Emilia-Romagna ha anche stanziato altri 20 milioni di euro per la riqualificazione della costa, delle località turistiche balneari. Daremo questi soldi ai Comuni costieri per fare interventi di rigenerazione urbana sui lungomari e sulle fasce retrostanti gli stabilimenti balneari. Si tratterà di contributi fino all’80%, destinati esclusivamente ai progetti presentati dalle amministrazioni comunali della nostra costa. Ma non per la sostituzione di panchine o per altri semplici interventi di arredo urbano, bensì per opere importanti che rinnovino completamente le città costiere. Stiamo ancora lavorando al regolamento per definire tutti i dettagli dei contributi, ma è certo che questo piano, insieme alla nuova strategia di marketing, porterà una vera rivoluzione nelle nostre località balneari.
Sempre riguardo alla costa, quest’anno la Regione ha anche dato il via libera a un piano da 20 milioni di euro per il ripascimento di tutto il litorale emiliano-romagnolo. L’intervento di ripascimento che partirà questo inverno darà finalmente una risposta di carattere strutturale, che tutelerà la costa per qualche anno. Non si tratta infatti di un semplice intervento di manutenzione, ma di un’operazione straordinaria di carattere preventivo. D’altra parte, è chiaro purtroppo che ogni anno saranno da pianificare interventi più piccoli di manutenzione e di recupero, poiché non c’è una soluzione definitiva all’erosione costiera che sta affliggendo tutta la nostra penisola. Di fronte a questo panorama in movimento, l’unica difficoltà rimane quella delle concessioni balneari, che in tutta Italia si trovano in un caos burocratico che non permette agli imprenditori di lavorare con tranquillità.